Cianciana: Arrivano turisti, si parla straniero.

 Sample Image    

Sample Image 

 01/02/11:   A Cianciana, ormai da qualche anno, si parlano le lingue straniere, soprattutto l’inglese, a causa dell’arrivo di tanti turisti stranieri e di parecchi visitatori che diventano subito ciancianesi di adozione, di cittadinanza e residenza perché tante famiglie provenienti da ogni angolo del mondo si fermano stabilmente nella cittadina agrigentina, comprano casa, la ristrutturano, spendono denaro con buoni risvolti per l’economia locale e soprattutto si inseriscono bene nel tessuto sociale, culturale ed economico. In molti cominciano pure a parlare in siciliano.

Cianciana è diventata la mecca del turismo siciliano. Forse nemmeno a Taormina tanti stranieri hanno comprato abitazioni per le vacanze e per la residenza annuale. Alcuni notai hanno fatto sapere che superano le cento unità gli atti di vendita stipulati tra stranieri, europei e nordamericani, e famiglie ciancianesi. Secondo l’anagrafe, hanno superano le 300 persone gli stranieri che abitano per buona parte dell’anno a Cianciana. Imprese edili con tutte le attività connesse hanno ripreso vigore perché lavorano a pieno regime per la ristrutturazione delle case. Senza dire dei supermercati e dei negozi che hanno incrementato l’attività commerciale.

 

Chi tiene il polso della situazione e conosce bene i trasferimenti è Paolo Sanzeri, architetto, direttore dell’ufficio tecnico comunale che si occupa della prassi burocratica connessa alla sua attività professionale. “ Ultimamente sono arrivati intere famiglie, anche giovani – ci dice il dirigente Sanzeri – provenienti da Francia, Gran Bretagna, Austria, Svezia, Repubblica Ceca, Polonia, Irlanda, Repubblica Slovacca, Canada, Stati Uniti e perfino dalla lontana Australia e dalla Repubblica dell’Azerbaigian. Si tratta di famiglie facoltose che scelgono la nostra cittadina, in cerca di relax e di tranquillità, per il buon clima, per le risorse paesaggistiche del territorio, la semplicità della vita paesana e soprattutto per il calore della nostra gente che si mette a disposizione degli stranieri”.

 

L’aspetto urbano che colpisce gli stranieri, a parte il calore e la disponibilità a volte disinteressata  della gente, è senz’altro il paesaggio. In tanti cercano una casa nella parta alta del paese, nell’aria del calvario, da dove si ammira un panorama stupdendo sulla vallata del fiume Platani e dove il sole d’estate vi picchia 15-16 ore al giorno. Henry Bayliss, australiano, ha comprato una piccola casa nel vicolo Riggio, a 5500 euro. Jennifer Faust e Paula Keith, statunitensi, hanno scelto Salita Regina Elena, il largo San Gaetano, nei pressi del calvario, dove hanno trovato a buon prezzo una abitazione con tre stanze e servizi.

 Il sindaco di Cianciana Salvatore Sanzeri è entusiasta. “Gli stranieri in paese, occasionalmente e stabilmente – ci dice il primo cittadino – rappresentano ormai una grande risorsa per la città. La situazione ci spinge a migliorare i servizi pubblici e privati sia per la popolazione che per i nuovi arrivati. I nostri emigrati all’estero hanno dato una buona immagine di Cianciana se oggi arrivano ospiti a josa”.                                                                                                    ENZO MINIO                                               
    Enzo Minio

Pubblicato sul quotidiano: La Sicilia del 31/01/11.