italo americani visitano la città.

Sample Image   21/10/09: Tampa è un’importante città degli Stati Uniti posta sulla costa occidentale della Florida, essa conta più di 300mila abitanti ed è la terza città più abitata della Florida, dopo Jacksonville e Miami.
Questa città americana dal 1991 è gemellata con la città di Agrigento grazie al fatto che molti dei suoi abitanti, circa il 90 per cento sono di origine siciliana ed in particolare della provincia di Agrigento.

Agrigento e il turismo di ritorno, italo americani visitano la città

Sulla scorta di questo legame con Agrigento ogni anno la città viene visitata da gruppi di italo americani che desiderano conoscere i luoghi dei loro antenati e nello stesso tempo tenere vivo il legame con la loro terra d’origine.
Attraverso il club “Unione Italiana” i membri della comunità italiana di Tampa hanno la possibilità di visitare la nostra provincia ed in tal modo permette di raggiungere un importante obiettivo che è quello di far conoscere i luoghi che i loro familiari hanno lasciato per cercare fortuna oltre oceano.
Anche quest’anno il club ha organizzato un viaggio in Sicilia e stamani è giunto un gruppo ad Agrigento prima tappa di un tour di cinque giorni che li porterà in giro per la provincia in particolare nei comuni di Alessandria della Rocca, S. Stefano di Quisquina e Cianciana.
“Quest’anno- dichiara Dario Danile che cura il tour - a causa del cambio sfavorevole del dollaro con l’euro, sono soltanto venti partecipanti, mentre l’anno scorso siamo riusciti ad ospitarne più di cento.
Grazie all’agenzia di viaggio americana dei fratelli Arena, con sede a Tampa, abbiamo messo in moto questo tipo di turismo chiamato “di ritorno” fatto di italiani all’estero, emigrati o loro discendenti, che sono desiderosi di conoscere i luoghi di origine. Con tale iniziativa, che si ripete oramai da tantissimi anni, siamo riusciti a portare qui da noi migliaia di visitatori contribuendo notevolmente a combattere la crisi di presenze turistiche che nella nostra provincia è particolarmente sentita”