Una seduta intercomunale di protesta all'aperto sulla Cattolica - Cianciana. Poi sulla strada che da Alessandria della Rocca porta a San Biagio Platani. Fino a quando l'amministrazione provinciale guidata da D'Orsi non si convince ad intervenire. La annunciano i sindaci di Cattolica Eraclea, Cianciana e Alessandria della Rocca. GUARDA IL VIDEO... LEGGI TUTTO...

http://video.libero.it/app/play?id=a05b485ce0a0cdb2f2ab8e5d9890692a 

Strade dissestate e pericolose, frane e smottamenti continui che aumentano con l’arrivo delle prime piogge. Mentre in provincia di Agrigento c’è chi pensa all’aeroporto, c’è anche chi, più semplicemente, chiede delle strade più dignitose.

Sindaci e consiglieri comunali scendono in campo, dalla valle del Platani fino ai monti Sicani, contro le pessime condizioni della viabilità provinciale nei loro territori.

Si terrà nei prossimi giorni un “consiglio intercomunale” all’aperto sulla strada che da Cattolica Eraclea porta a Cianciana per richiamare l’attenzione dell’amministrazione provinciale e del governo regionale.

La manifestazione la stanno organizzando i sindaci di Cattolica, Cosimo Piro,  Cianciana, Salvatore Sanzeri, e Alessandria della Rocca, Luigi Mulè con i rispettivi consigli comunali e con l’invito esteso agli altri amministratori dei territori interessati.

“Da Cattolica a Cianciana o da Raffadali a Cattolica la situazione è allarmante – dice il sindaco cattolicese Cosimo Piro - le strade sono pietose e la Provincia non ci dà risposte, con questa assemblea di protesta cercheremo di farci sentire per reclamare il nostro diritto ad avere strade decenti”.

“Ho ripetutamente sollecitato interventi alla Provincia – dice il sindaco Sanzeri - ma non c’è un euro per la Cattolica - Cianciana, diventata una vera e propria trazzera pericolosa, e scarse le risorse per la Cianciana – Ribera. Occorre invece trovare i fondi necessari a recuperare con urgenza le strade di questa parte del territorio agrigentino altrimenti siamo costretti alla marginalità e rischiano di rivelarsi vani i nostri sforzi per rilanciare il turismo e attrarre investimenti.

www.comunicalo.it