La bottega dell'artigiano: Antonino Sanzeri.

Antonino Sanzeri è nato a Cianciana il 28/01/1922 ed ha sempre vissuto nel paese natio, fatta eccezione per qualche breve periodo. La sua passione artistica si è manifestata fin da bambino, attraverso il disegno o la scultura di oggetti in legno.

Sample Image

Ha potuto frequentare soltanto la scuola elementare ed è un'autodidatta. Il padre Matteo, falegname che gli ha insegnato il mestiere nella sua bottega, non ha avuto la possibilità di fargli frequentare la scuola d'arte, della qualcosa Antonino si è sempre armmaricato. Così come è cosa comune  a tante persone di generazioni passate che hanno imparato e praticato diversi mestieri, adattandosi alle diverse circostanze (impara l'arti e mettila di parti) abche lo zio NIno Sanzeri, nel corso della sua vita, ha fatto molti mestieri, sia a Cianciana che nei paesi limitrofi: oltre che falegname egli è stato carpentiere, ebanista, restauratore di mobili, bottaio, coltivatore diretto, innestatore.

Tra i suoi innumerevoli lavori ricordiamo il restauro dell'urna del Venerdì Santo e il portone della Chiesa Madre di Cianciana, chiesa nella quale ha lavorato come carpentiere per la costruzione del tetto.

Le varie esperienze lavorative unite all'antica passione artistica, hanno portato a maturazione in Antonino Sanzeri, ormai avanti negli anni, uno stile scultoreo Naif tutto particolare ed originale.

 Diversi sono i soggetti attinti dalla realtà vissuta: egli trae ispirazione dalla realtà agricola e pastorale della zona, dalle arti e dai mestieri, dalla miniera, così intensamente presente nella realtà socioeconomica del paese. Antonino scolpisce anche la pietra (ricordiamo il leone nella posizione di riposo e S. Francesco) ma la sua materia preferita resta il legno che egli sceglie per il colore e per le sue caratteristiche in riferiemnto alle sculture che vuole reaslizzare. Qualche esempio: mogano per un leone, pe runa tigre il rovere che mette in risalto, attraverso le sue venature, il manto dell'animale e poi ancora il pero, il noce, il ciliegio.

Sample Image

Antonino Sanzeri ha dato sfogo alla sua fantasia creativa con la realizzazione del Presepe, ricco di personaggi, di animali e di ambienti particolari, realizzati in un plastico movimento. E dopo il Presepe la miniera con le gallerie, il capannone, la fornace, li pirriatura, li carusi che tarsportano a spalla il materiale grezzo, i muli carichi di zolfo, il fabbro ferraio, il muratore. Un piccolo grande universo che è possibile visitare al pianterreno della sua abitazione in Corso Vittorio Emanuele.

La voce di Cianciana, numero 1 - Maggio 2001.

Salvatore Panepinto