Ricordato il partigiano Santo La Corte trucidato dai nazisti a Brescia.

P { margin-bottom: 0.21cm; }

  Anteprima  15/09/14: Viene ferito durante la seconda guerra mondiale per proteggere la fuga dei compagni partigiani, fatto prigioniero dai nazisti viene uccidono il 16 settembre 1944 a Brescia e oggi parenti, amici e autorità istituzionali lo commemorano con un ricordo e una targa nel cimitero di Darfo Boario Terme. Si tratta di Santo La Corte di Cianciana che, nato il 26 gennaio del 1917, figlio di Felice e Giuseppa Montalbano, con due fratelli e una sorella.Segue articolo.....

P { margin-bottom: 0.21cm; }

 

Anteprima

 

Oggi da Cianciana partono i familiari per raggiungere Darfo Boario Terme (Brescia) dove sarà scoperta una lapide a ricordo, nel 70° anniversario. Saranno presenti i familiari, gli amici dell'Anpi della Valcamonica e di Brescia, Virgilio Cotti Cometti e Bruno Fantoni, compagni di battaglia. Interverranno il sindaco del comune di Darfo Ezio Mondini, persona disponibile che ha reso possibile l'evento, molto probabilmente i sindaci della Valcamonica, i rappresentanti delle Fiamme Verdi, la brigata partigiana che Santo La Corte costituì nel mese di ottobre del 1943 assieme al tenente Rolando Petrini, studente universitario di Siena, ed ai suoi aiutanti  Lorenzo Lorenzetti e Mario Ravelli Damioli,  e ricevendo il sostegno del curato don Ernesto Belotti. Dovrebbe benedire la lapide don G. Massi. Il comune di Cianciana invierà un telegramma. Tutte le ricerche e le notizie su zio Santo La Corte sono state raccolte da Eugenio Giannone, docente e ricercatore ciancianese, nipote acquisito del partigiano, il quale le ha ricavate dalla lettura di parecchi libri e si è avvalso della collaborazione di quanti hanno conosciuto il militare.

ENZO MINIO